Articoli

Raimond Panikkar - A-dualismo advaita

Lunedì 17 dicembre 2018

“Quando si è sperimentato che Dio sta in tutto, che tutto sta in Dio e che tuttavia Dio non è nulla di ciò che è, allora si è vicini alla realizzazione, all’autentica esperienza advaita la quale, come ogni vera esperienza, non può essere comunicata o espressa mediante concetti” (Trinità ed esperienza religiosa dell’uomo, Assisi 1989).”

L’advaita è la dottrina indù della a-dualità di tutte le cose (a-dvaita, “non due”), ivi compreso il mondo e Dio stesso. Panikkar preferisce tradurre advaitacon “a-dualità”: la Divinità “non è individualmente separata dal resto della realtà, non è completamente identica ad essa” come avviene nel dualismo e nel monismo. Non si può confondere advaita con il monismo, malgrado le affermazioni di alcuni commentatori occidentali e il fatto che questa opinione sia stata comune tra i teologi occidentali fino a tempi recenti e alcuni continuino a considerarla tale.
La dottrina advaita è ritenuta il culmine delle religioni e delle filosofie, in quanto esse introducono l’“esperienza suprema” della a-dualità, della non separabilità tra Se-stesso (atman) e Dio (brahman). La verità per l’advaita è arrivare a scoprire che “âtman (l’Io) è Brahman (l’Assoluto)” o quello che é lo stesso (“Tat tvam asi”= “Tu sei Questo o Quello”, l’Assoluto) senza smettere di essere diversi. Nell’advaita Dio e il mondo non sono giustapposti né l’uno è assorbito dall’altro, ma in relazione di reciprocità: l’Assoluto è al contempo trascendente e immanente. “La dimensione di trascendenza esclude l’identificazione monista mentre quella dell’immanenza impedisce l’identificazione dualista”, dice R.Panikkar.

“Dio non é né lo Stesso (monismo) né Lui o l’Altro (dualismo). Dio è un polo della Realtà, polo costitutivo; silenzioso e quindi ineffabile in sé, ma che parla in noi; trascendente, ma immanente nel mondo; infinito, però limitato nelle cose. Questo polo non è niente in se stesso. Non esiste se non nella sua polarità, nella sua relazione. Dio è relazione, relazione intima con tutto” (L’esperienza di Dio, Brescia 1998).

In questa concezione non vi è nulla che non sia sacro, né vi è nulla di assolutamente sacro, separato dal resto, tutto ha una dimensione sacra: “Il sacro è un aspetto di tutte le cose per il fatto stesso che le cose sono reali”.

E’ questo la concezione della divinità e del sacro che a RP sembra sia più chiaramente conforme al cristianesimo. Il concetto di advaita è fondamentale nel suo pensiero, in consonanza con l’altro suo concetto di ontonomia e nell’applicazione alla dinamica trinitaria, sia verso il divino interiore, sia verso tutta la realtà. “Advaita e ontonomia sono le due facce di una stessa moneta”. (Francis X. D’Sa).
Né dualismo né monismo, il concetto a-dualista della Realtà ha stimolato il nostro autore per una concezione più piena e radicale della Trinità. Per Panikkar l’evento cristiano non può essere inteso, come vedremo, né come dualista né come monista, ma solo come trinitario-advaita. Si tratta di qualcosa di nucleare nella sua visione di Dio. Non è solo il tema della Trinità, ma quello della realtà personale di Dio che il nostro autore non nega, ma che interpreta integrandolo in una visione polifonica della Divinità.

comments powered by Disqus