Meditazione

Meditazione nella via diretta

Nella Via diretta, l’accento non viene mai posto sull’oggetto, tutti gli oggetti appaiono e scompaiono nello spazio luminoso della pura Consapevolezza e servono unicamente a rivelare quest’ultima…

Nella Via diretta, l’accento non viene mai posto sull’oggetto, tutti gli oggetti appaiono e scompaiono nello spazio luminoso della pura Consapevolezza e servono unicamente a rivelare quest’ultima…

La meditazione di pura consapevolezza non prescrive visualizzazioni, mantra o mudra. Questa meditazione si basa esclusivamente sulla pura Presenza che come uno spazio luminoso accoglie il divenire del mondo, senza esserne influenzata. Questo spazio luminoso ha il gusto della beatitudine e della gioia ed è il vero noi stessi che accoglie e comprende ciò che credevamo di essere, il corpo-mente. Questa meditazione non necessita di sforzo personale o volitività, né di elaborazione mentale. L’abbandono consapevole della volontà personale, conscia e inconscia, e l’ascolto dal silenzio sono i suoi fondamenti.

Jean Klein

Quando ascoltiamo il corpo e il respiro o altri oggetti sensoriali noi ci rendiamo sempre più intimi con questi oggetti riducendo fino a liberarcene il “senso dell’Io” e del “tempo”. Sentiremo allora anche la riduzione di tutto ciò che la reazione dell’Io crea: tensioni fisiche ed emotive (ansia, paura, preoccupazione, rabbia, irrequietezza, depressione, tristezza, noia ecc.).
“Lo scopo della percezione sensoriale è quello di andare oltre i sensi, poiché la Conoscenza della nostra “vera natura” è oltre la percezione sensoriale. Andiamo oltre i sensi quando ogni suono, visione, tocco, odore e gusto ci porta all’interno, verso il silenzio dell’ “Io sono”. In questo modo, i sensi ci conducono oltre i sensi stessi, cioè verso la presenza dell’ “Io sono”, la sua onnipresenza. Ciò accade quando qualunque cosa tu veda ti porta oltre ciò che è visto, e ti connette con Colui che in realtà vede (l’ultimo Soggetto, la sorgente della pura consapevolezza), quando qualunque cosa tu ascolti ti porta nel Silenzio e quando qualunque cosa tu tocchi ti porta nell’estasi dello Spirito senza limiti. Ogni parola udita può ricondurti alla Sorgente silenziosa da cui è emersa”.

Charles Ogada